Login
   
Logo

 

 

 

 

Accendiamo il C.E.Ro.

 

(Centrale Elettrica Rotonda Romagnoli)

 

 

 

 

 

 

In Settembre 2005, tra i cittadini, si inizia una raccolta di firme per chiedere al Comune trasparenza e chiarezza relativamente ai piani espansionistici e di richieste energetiche che i quartieri Reno e Porto avranno nei prossimi anni.

 

 

Quella che segue è la lettera con le richieste che i cittadini hanno spedito al Comune una volta conclusa la prima raccolta delle firme (1753 firme).

 

 

 

 

 

                                                                                              Gent.mi

 

                                                                                              SERGIO COFFERATI

Sindaco Comune di Bologna

 

VIRGINIO MEROLA

Assessore all’Urbanistica

GIUSEPPE PARUOLO

Assessore alla Sanità

ANNA PATULLO

Assessore all’Ambiente

 

SERGIO PALMIERI

Presidente Quartiere Porto

VINCENZO NALDI

Presidente Quartiere Reno

Bologna, 22  settembre 2005

 

OGGETTO: Progetti per centrali Hera di teleriscaldamento/cogenerazione.

 

In qualità di cittadini del Comune di Bologna Vi esprimiamo le nostre perplessità e manifestiamo il nostro disaccordo in merito ai progetti che Hera S.p.A. sta attuando ai quartieri Reno e Porto.

 

- Contestiamo la mancanza di una chiara e trasparente comunicazione verso i cittadini, dovuta in larga parte all’amministrazione precedente, in merito alla costruzione di un impianto di cogenerazione presso il nuovo insediamento Arcadia (ex Calzoni - via Segantini) e alla nuova ipotesi di altro impianto in rotonda Romagnoli;

- Ci risulta  che il precedente progetto, di Via Segantini, sarà ridimensionato a centrale termica di integrazione e soccorso di quelle vecchie esistenti attualmente e ancora funzionanti, mentre la centrale di rotonda Romagnoli dovrebbe diventare un impianto di cogenerazione di sistema;

- sappiamo che Hera S.p.A. è intenzionata comunque a procedere in questo senso, anche per mantenere i suoi obiettivi aziendali.

 

Pertanto,                                                  VI CHIEDIAMO

di poter conoscere in modo pubblico e trasparente:

 

1)      qual è la previsione del fabbisogno energetico dei quartieri Reno e Porto nei prossimi anni;

2)      cosa significa centrale di sistema, rispetto a centrale di comparto;

3)      quale idea di sviluppo urbanistico in questa zona di Bologna è prevista per i prossimi anni;

4)      se e come questo sviluppo urbanistico sia collegabile allo sviluppo di grandi centrali di cogenerazione, piuttosto che a centrali condominiali o private di microcogenerazione o a impianti per il risparmio energetico,  più eco-sostenibili e quindi più in sintonia con il protocollo di Kyoto e con il recente decreto sul “Conto energia e incentivazione”.

 

A nostro parere è opportuno aprire una più ampia discussione a tutto campo all’interno di una vera urbanistica partecipata, in questa zona di Bologna.

 

In particolare Vi segnaliamo la situazione del quartiere Reno, uno dei più edificati negli ultimi dieci anni e che ha subito notevoli stravolgimenti urbanistici (varianti), spesso all’insaputa dei cittadini.

 

Grazie per l’attenzione.

I cittadini sottoscrittori della presente lettera (1753 firmatari alla data odierna).

 

 

Questa è la ricevuta di avvenuta consegna con relativa protocollatura delle firme in data 22 Settembre 2005

Ricevuta Firme.jpg

 

 

La raccolta continua e . . .

 

le firme aumentano . . .

 

 

 

Questa è la seconda ricevuta di avvenuta consegna con relativa protocollatura delle altre firme in data 30 Settembre 2005

ricevuta firme-2.jpg

 

. . . con queste siamo a 2314 firme . . .

 

 

Quella che segue è la ricevuta di avvenuta protocollatura avvenuta il 12 Gennaio 2006 di altre 657 firme raccolte per un totale di 2971 . . .

 

 

Ricevuta 3p.jpg

 

 

La campagna di sensibilizzazione continua . . .

 

 

 

 

 

 

 

Copyright (c) 2000-2005